Alla Malafoera

Navigare oltre i Capi negli Oceani infiniti

di Nerina Neri Battistin

Copertina di Carlo Senesi

Fotografie di Francesco Bernardi

15,00

[ 2010 - 224 pagine ]

… Rachele, leggera e aerea, immaginava di volare sulle onde del mare…

… la bellezza orrida del Capo, nonostante il tempo favorevole, le mise addosso un senso di angoscia, sapeva che la nera roccia a picco sul mare dominava il paesaggio chiamato il cimitero delle navi…

… Rachele aveva messo nel lavoro tutto l’entusiasmo e la forza di chi intraprende per la prima volta un’attività appassionante…

… sognò di essere leggera come il vento, di sfiorare le onde come fanno i gabbiani, giovane, gioiosa; la piccola città dove era nata era là alle sue spalle e forse l’aspettava, ma lei stava navigando verso l’infinito

UNA PAGINA «Però sei braccia di meno sul veliero non erano facilmente sostituibili! Ecco l’occasione. L’aiuto di Rachele diventò indispensabile, anche se l’incertezza dei marinai era palese; fu necessario fare di necessità virtù, tutti si resero conto di quanto preziosa fosse la collaborazione delle due robuste braccia femminili. Quando il brigantino levò l’ancora, le fu affidato l’albero di mezzana, lei manovrò la pazienza come se quel lavoro le fosse stato familiare da sempre; le conseguenti manovre furono eseguite con abilità e precisione e le vele si gonfiarono al vento. Rachele aveva messo nel lavoro tutto l’entusiasmo e la forza di chi intraprende per la prima volta una attività appassionante, da lungo tempo desiderata; non fu facile per lei riuscire a tesare le sartie per agganciarle alla murata, le grosse cime le procurarono escoriazioni nelle mani non abituate al contatto di materiale grezzo, le gambe furono costrette ad assumere posizioni particolari, in principio i capelli legati alla meglio, si scioglievano e le volavano davanti al viso, poi, imparò a tenerli dentro ad una larga bandana che le dava un aspetto da vero uomo di mare! Imparò a usare le ghie girando le pazienze con maestria per permettere agli stragli di tesare al vento la bassa mezzana, la contromezzana volante, il belvedere e il controbelvedere e non permise che le vele scarrocciassero; fu così precisa che le diedero l’incarico di orientare anche i fiocchi e i controfiocchi tesati al bompresso con gli stragli di velaccio e parrocchetto; così lei percorse il veliero da poppa prua senza paura di cadere. Rachele non si era mai sentita così partecipe. Finalmente aveva un ruolo attivo e il Paolina era diventato anche un po’ suo; precisa ed instancabile, rispettava i comandi come ciascun uomo dell’equipaggio; aveva il cuore che cantava, il petto contenuto di solito dalla tipica fascia, ebbe più di una volta bisogno di espandersi per dare ossigeno ai polmoni, così quella specie di cilicio di pezza fu definitivamente lasciato in cabina, in poco tempo i muscoli diventarono duri come quelli dei marinai, non sentì più indolenzimenti e, durante il giorno, si riposò soltanto quando c’era il turno di assistenza al mozzo…»

DELLA STESSA AUTRICE Cuore sereno – Cei, 1998; – Il Cantastorie – Cei, 1998; Cose dell’altro mondo – Cei, 1998; Il complesso linguaggio dei new media – Cei, 2000; Due donne – Cei, 2000; Per una lettura divertente – Cei, 2001; Storia di Ang e Pinc – Cei, 2001; Roveré della Luna – Cei, 2009; Affreschi ponentini – Cei, 2002; Cicchina la Rossa – Cei, 2003; A trüna du pesciucan – Cei, 2004; Checco lo stipettaio – Cei, 2005;  La violinista – Cei, 2007; Il Gobbo – Cei, 2008; Il mistero della bealera, Cei, 2009; La mente altrove, Cei, 2010; Davide, eroe senza paura – Cei, 2011; Voglia di ricominciare – Cei, 2012; Là dove fiorisce la mariposa – Cei, 2013; La forchetta di alluminio leggero – Cei, 2014; Allá donde florece la mariposa – Cei, 2014; Il testamento, 16 gennaio 1866 – Cei, 2015; Un grande esploratore che ha carpito l’anima del mondo Bartolomeo Bossi – Cei, 2016; Ondate (con Enrico Berio) – Cei, 2016

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi