Inizio d’autunno

di Liliana Di Masci

Prefazione di Silvia Bonjean

Immagini in copertina e all’interno di Mimmo Pollini

12,00

[ 2014 - 98 pagine ]

ANNI Seduta, direi mimetizzata, / contro il muro della stanza. / Dai pensieri trasportato, / il ricordo lento avanza. / L’infanzia curiosa, / che scava senza posa / la terra del giardino, / attento il bel visino./ Disperde le formiche, / che paiono impazzite. / Strappa qualche fiore / che appassisce e muore. / La bimba, tanto amata, / è vecchia, abbandonata; / conta le ore e un velo / le cela appena il cielo.

SOLITUDINE Solitudine non è / sempre tristezza; / è un modo diverso / di vivere la vita, / per periodi brevi, / che appartengono solamente a noi. / Per rivedere il passato, / progettare il futuro, / assaporare il silenzio, / che ti avvolge.

dim 2NOTTE Le ore del silenzio / animano i pensieri. / Ricordi in bianco e nero / si muovono nella mente, / così, senza rumore, / leggeri, stretti in gruppi, / legati nel vissuto / di giorni lontani.

VENTO Gli alberi si piegano / al vento furioso / e sibilante che domina / la notte invernale. / Forza inquietante / della natura, / che dà forma / a pensieri un po’ confusi, / distratti da folate / impetuose, / da finestre vibranti, / da bisbigli, da urli, / che si perdono / nella notte… / Ma domani / è un nuovo giorno.

Della stessa autrice, Ombre della sera (Cei, 2009) – Incarico annuale (Cei, 2010)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi