Montà lì che ti vei Zena

di Aldo Trucco

Illustrazioni in copertina e all’interno di Aldo Trucco

Presentazione di Viviana Spada

[ 2009 - 270 pagine ]

PREFAZIONE La penna è intrisa, la mano sospesa sul foglio bianco e la mente va… Compito ingrato parlare e scrivere di sé! Ma chi te lo fa fare? Scrivere ancora e per di più in dialetto! Ma quale dialetto usi, quale nome gli dai, quale provenienza a questo guazzabuglio di parole? Chi credi essere? Simili domande e altro ancora mi tengono in forse; l’inchiostro sulla penna s’è seccato, intingo e… avanti, con la caparbietà d’un ligure! Queste poesie e questi piccoli racconti rispecchiano un po’ il mio tempo andato, quando poche e precarie erano le fonti di guadagno. Lasciare il paese è sempre un’amara avventura. Chi andava via non tornava più. Sono versi usciti di getto, forse i più felici, altri invece pensati a lungo e poi scorticati. Quelle favolette che insegnano a non voler troppo… Mi vien da dire: “Hai le spalle larghe, puoi sopportare ogni giudizio, far finta di non sentire, tanto ne dicono di cotte e di crude, una in più non fa differenza, ci può stare”. Importante è credere in ciò che si è scritto, bisognoso solamente di una parola schietta che faccia pensare: ecco, questo ho servito.

DELLO STESSO AUTORE Briciole – Cei, 2003  – I fiori del pensiero – Cei, 2008 – Storia di un guscio – Cei, 2011

> BLOG LIBRI > Chi era Aldo Trucco

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi