Frammenti di pensiero tradizionale ne “Il Signore degli anelli”

di Bertolotti E. –  Capone A.

10,00

[ 2003 - 60 pagine ]

PREMESSA Poche opere letterarie hanno determinato un interesse tale da superare il loro ambito diventando un autentico fenomeno di costume. Una di queste è, indubbiamente, Il Signore degli Anelli. Dal momento della sua pubblicazione, il romanzo di Tolkien è stato amato dalle più disparate correnti culturali, spesso in antitesi tra loro. Gli hippies, ad esempio, rivedevano nel testo quel ritorno al rapporto uomo-natura che l’industrializzazione stava cancellando. La cultura della destra, rappresentata in Italia dallo spiritualismo di Julius Evola, esaltava le figure epiche del libro ed il mondo barbaro e pagano come rifiuto di quello moderno, ormai massificato e senza ideali. Il motivo di questo successo è certamente dovuto alle indubbie qualità letterarie del testo, al fascino dell’avventura e dell’eterna lotta tra il Bene ed il Male. Ciò dimostra che c’è ancora spazio per il mito e per i valori alternativi ad esso connessi nel mondo di oggi, un mito che viene creato dall’autore nel momento stesso in cui lo racconta e che utilizza linguaggi inventati e diversi per ogni razza, adeguati aIIe loro esigenze e funzioni. Chi scrive ritiene che il valore dell’opera del professore di Oxford sia così alto in quanto essa si presta anche ad una lettura simbolica ed esoterica che la coIIoca nel solco deIIa grande cultura tradizionale del mondo occidentale. Il Signore degli Anelli, infatti, narra la storia di un cammino iniziatico individuale e coIIettivo che si compie in maniera trasfigurata e reale insieme. I personaggi della storia, siano Elfi, Nani, Hobbit o Uomini, hanno un significato proprio ed inequivocabile che Ii pone nel contesto con puntualità peculiare.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi